Vietato l’Anello della Castità a Scuola

Anello di Castità - Purity RingAnche in Gran Bretagna aumentano i sostenitori dell’integralismo bacchettone. Questa volta però, il caso è veramente contorto.

Avete presente la setta americana “The Silver Ring Thing“, quelli del “Purity ring” ? Non sapete chi sono ? Ma dai … 😉 Eppure hanno ricevuto dall’amministrazione Bush la bellezza di 1 MILIONE DI DOLLARI per promuovere l’ASTINENZA SESSUALE TRA I GIOVANI, distribuendo l’anello incriminato come segno distintivo …

Ok, dopo aver capito chi sono questi “spostati”, ed aver ben meorizzato le fattezze dell’anello, in modo da troncare quanto prima ogni convenevole con le persone che lo portano, vediamocosa è successo in una scuola del Reo Unito.

Lydya Playfoot“Lydia Playfoot, sedicenne allieva della Millais School di Horsham, nel Sussex voleva portare al dito l’anello di castità anche durante le lezioni. La direzione dell’istituto non era d’accordo: quel cerchietto di metallo, come tutti i gioielli, era un’eccezione imprevista per l’uniforme scolastica. Per Lydia questo divieto era una “ingerenza illegale nel suo diritto di manifestare la fede cristiana”. Ieri l’Alta Corte ha accolto la posizione della scuola, ribadendo il divieto.

Il giudice Michael Suppertone è andato oltre, argomentando che “l’anello non è parte integrante delle manifestazioni di fede”, cioè non è obbligatorio per i fedeli.

La direzione della scuola si è definita “deliziata” per la decisione, mentre Lydia, “profondamente delusa”, sta valutando se fare appello.

Ovviamente non ha perso lo spunto per segnalare la sua preoccupazione: che “lentamente, nel tempo, sia data la possibilità a gente come i direttori di scuole, i datori di lavoro, le organizzazioni politiche e altri di impedire ai cristiani la pubblica espressione e la pratica della loro fede”.”

Folle il giudice o folle la ragazzina.

“Fondamentalmente il mondo è popolato da idioti”

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.